Le 15 tradizioni legate al matrimonio a cui non riusciamo proprio a rinunciare

tradizioni-matrimonio_800x500

Avete mai pensato a quante usanze e credenze ruotano attorno al giorno delle nozze? Sì, perché le tradizioni matrimonio sono tantissime e parecchie vengono da molto lontano, dal passato o addirittura da altri paesi. Prestate attenzione ai simboli di cui vi parleremo, anche se non siete particolarmente superstiziosi, in quanto molti di questi celano un significato profondo e per nulla scontato.

Cosa deve indossare la sposa secondo la tradizione?

Oltre a sfogliare riviste, girare negozi e cercare idee su siti specializzati in cerimonie, la sposa più tradizionalista, che aspira a delle nozze fortunate, dovrà tener conto di molte superstizioni legate al matrimonio e indossare degli indumenti specifici.

  • Qualcosa di nuovo: simboleggia la nuova vita che sta per iniziare, tutte le nuove sfide che questa porterà con sé.
  • Qualcosa di vecchio: rappresenta il passato, che si lascia alle spalle. La sposa deve portare con sé un oggetto proprio del passato per non dimenticare l'importanza del passato nel nuovo cammino che si va ad intraprendere.
  • Qualcosa di prestato: simboleggia l'affetto delle persone care che rimangono vicine in questo passaggio dal vecchio al nuovo, dovrà essere infatti una persona cara a prestare quest'oggetto.
  • Qualcosa di regalato: allo stesso modo dimostra la vicinanza delle persone care.
  • Qualcosa di blu: simbolo di sincerità e purezza.

Il bouquet

Secondo la tradizione è l'ultimo dono dello sposo alla sposa come fidanzato. È usanza infatti che sia lo sposo stesso a comprare il bouquet e a farlo recapitare alla sposa la mattina delle nozze. Alla fine del ricevimento la sposa lancia il bouquet verso un gruppo di donne nubili e tradizione vuole che la fortunata che riuscirà ad afferrarlo, sarà la prossima a convolare a nozze.

Il lancio della giarrettiera

Simbolo portafortuna che anticamente veniva duramente conteso dagli invitati celibi così come altre parti del vestito da sposa, e che oggi si è trasformato fortunatamente in un gioco. Oggigiorno è lo sposo a sfilare la giarrettiera dalla gamba della sposa e a lanciarla verso un gruppo di invitati celibi. La tradizione vuole inoltre che la donna colpita dal bouquet balli con l'uomo che ha preso la giarrettiera.

Il velo

Il popolo romano lo utilizzava per nascondere il volto della sposa che percorreva la navata per raggiungere il suo sposo all'altare. Può sembrare paradossale, ma a quel tempo i matrimoni erano combinati e questo sotterfugio era fondamentale per evitare eventuali ripensamenti dello sposo, specialmente se la suo promessa non era stata scelta per beltà. Nel tempo l’accessorio è rimasto, evolvendo ovviamente il suo significato, tanto che oggi rappresenta solo un vezzo ornamentale. Lo sapevate che, soprattutto al sud, è usanza che il velo della sposa sia lungo tanto quanto lo sono stati gli anni di fidanzamento? Ad ogni anno d'amore dovrebbe corrispondere un metro di lunghezza.

Le fedi

Sono il simbolo delle nozze per eccellenza. La loro forma sferica rappresenta l’unione, cui aggiungere il simbolo di eternità insito nell’oro, il materiale maggiormente usato per la loro realizzazione. Accostate inoltre assumono il simbolo dell'infinito, rafforzando ancor più il concetto di amore eterno. In religione l'anello è il simbolo di Dio, che non ha principio né fine. È anche il simbolo dell'arcobaleno, il grande anello che Dio ha costruito nel mondo, dopo il diluvio, come segno dell'alleanza perenne fra lui e l'umanità.

Il lancio del riso

Viene gettato sugli sposi per simboleggiare una pioggia di fertilità, è considerato un augurio di ricchezza e gioia. In alcuni paesi è accompagnato da monete, confetti e fiori. Oggi è particolarmente utilizzato un apposito riso bianco antimacchia, per non rischiare di rovinare gli abiti degli sposi.

La luna di miele

Che optiate per un safari in Kenya, una crociera ai Caraibi o di alloggiare in una guest house alle Maldive, il viaggio di nozze è simbolo del cambiamento, dell'esigenza di uscire, di partire, di staccarsi, di iniziare insieme il viaggio della vita. Lo sapevate che l'origine del detto "luna di miele" indica i primi momenti dolci della vita di coppia e che gli sposini dell'antica Roma dovevano mangiare del miele per tutta la durata di "una luna" dopo il matrimonio?

E che il letto degli sposi viene preparato la sera prima del matrimonio da due ragazze nubili in segno di purezza? O che “sposa bagnata, sposa fortunata”? E ancora, in alcune zone d'Italia un detto dice “di Venere e di Marte (venerdì e martedì) non si sposa e non si parte”?

E voi? Eravate a conoscenza di tutte queste tradizioni legate al matrimonio?