ALLE PORTE DI UN TERRITORIO ANTICO E AFFASCINANTE: AGROPOLI, LA PORTA DEL CILENTO

cosa_vedere_agropoli_800x502

ALLE PORTE DI UN TERRITORIO ANTICO E AFFASCINANTE: AGROPOLI, LA PORTA DEL CILENTO

Vi è una vasta area della provincia sud di Salerno che ai più risulta ancora sconosciuta e avvolta nel mistero. Questo angolo di Mondo è il Cilento, terra che tra i suoi rilievi e, soprattutto, le sue incantevoli coste rappresenta una miniera inesauribile di storia, cultura e tradizioni.

Tra le numerose e accoglienti località del Cilento, molte delle quali dal nome evocante personaggi della mitologia e dell’epica come Palinuro, Licosa, vi è Agropoli, cittadina sviluppata da ritenersi la porta del Cilento, il varco di accesso di questo territorio antico e affascinante dove, stando alle indicazioni presenti sul sito dell’agenzia di viaggi paestumholidays.com, è possibile realizzare indimenticabili vacanze ed escursioni giornaliere in Campania.

 

Agropoli, breve storia dalle origini ai giorni nostri

Grazie alla sua favorevolissima posizione che la vede armonicamente affacciarsi sul Mar Tirreno, Agropoli si è contraddistinta sin dal Neolitico per essere un luogo di felice insediamento. Molto in anticipo rispetto alla fondazione della ben più nota Paestum (Poseidonia in ellenico), i Greci avevano qui stabilito la sede dei propri commerci marittimi, nella baia che si spalanca alla foce del fiume Testene più precisamente, e reso la suggestiva e caratteristica rocca, l’attuale centro storico, luogo di culto avendovi al suo centro eretto un tempio dedicato alla dea Artemide. I Romani, invece, fondarono nella zona dell’odierno lungomare San Marco un piccolo borgo sul mare dal nome Ercula.

Sin qui, però, del nome Agropoli ancora niente. Bisogna attendere la metà del VI secolo d.C., quando i Bizantini, usciti vincitori della guerra greco-gotica, edificarono una roccaforte in alto, sulla rocca prospiciente il mare, che prese il nome di Acropolis, città alta appunto. La resistenza dell’Acropoli tenne per circa tre secoli, fino alla conquista del promontorio da parte dei Saraceni.

Nei secoli successivi diverse dominazioni si sono alternate; fino all’Ottocento, secolo durante il quale, sia prima che dopo l’Unità d’Italia, ha fatto parte del distretto/circondario di Vallo della Lucania.

 

I luoghi simbolo di Agropoli, tra storia e natura

La rocca: il centro storico

È il luogo più rappresentativo di Agropoli: quel suggestivo promontorio su cui si è sviluppato nei secoli il borgo più antico ne racchiude l’essenza più vera, oltre che averne dato origine al nome. Protagonista di un recentissimo recupero ambientale, il centro storico di Agropoli si fa apprezzare per le sue stradine accoglienti e per un’atmosfera intima ma solare che è possibile respirare una volta affrontata la salita degli Scaloni che conduce alla bellissima porta bizantina a tre archi, il vero termine di confine tra la città nuova e la vecchia.

La Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli

Il luogo di culto più famoso di Agropoli è sicuramente la Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli, immediatamente identificabile perché si trova esattamente dopo il portale merlato bizantino del ‘600. La devozione degli Agropolesi per la Madonna di Costantinopoli, protettrice dei pescatori, risale a molti secoli fa: in particolare, al suo interno, è custodita una statua della Madonna di Costantinopoli che alcuni pescatori salvarono da un naufragio e deposero su un altare della Chiesa.

Il Castello Angioino-Aragonese

Simbolo per eccellenza di Agropoli, il Castello Angioino-Aragonese insistente in cima alla rocca è raggiungibile dopo aver attraversato un suggestivo ponte in pietra. Nella sua struttura a pianta triangolare con tre torri e un ampio fossato, è quasi interamente visitabile e ospita, specie nel periodo estivo, mostre, concerti e spettacoli teatrali. La sua bellezza ha persino ispirato grandi letterati come Marguerite Yourcenar, che vi ha ambientato la sua opera giovanile “Anna, soror”, e il poeta Giuseppe Ungaretti, il quale ne diede conoscenza nel volume “Mezzogiorno” dopo aver effettuato un viaggio in Cilento negli anni ’30.

Il Porto di Agropoli

Se si desidera conoscere il Cilento via mare, fare un buon bagno o anche solo passeggiare romanticamente al tramonto, non si può non prendere in considerazione il Porto turistico di Agropoli. Si tratta di una struttura molto sviluppatasi dopo il 1960 che offre attualmente numerosi servizi turistici di ottima qualità per i vacanzieri: ormeggio o noleggio di imbarcazioni da diporto (a motore e a vela), possibilità di fare sport acquatici come il canottaggio e il kayak.

Baia di Trentova

Ma se si vuole realizzare una perfetta vacanza o un piacevole weekend ad Agropoli non ci si può non recare alla Spiaggia di Trentova: una baia mozzafiato all’interno del Parco Nazionale del Cilento in cui tuffarsi per un bagno indimenticabile. Il nome, vuole la leggenda, pare sia dovuto alle 30 uova di tartaruga trovate un giorno sulla sua sabbia. Si raggiunge agilmente dal centro e dalla rocca grazie alla via panoramica lungo la quale sostare per fotografare i tramonti e i colori unici del mare cilentano.

Scoglio di San Francesco

Di fronte a una spiaggetta non facilmente raggiungibile, alla base della Chiesa di San Francesco, sulla panoramica che conduce dal Porto alla Baia di Trentova, si trova lo Scoglio di San Francesco: una roccia che sporge dal mare su cui è conficcata una croce in legno. A quanto pare, da esso, il Santo Francesco da Assisi parlò ai pesci.

Lungomare di San Marco

Sicuramente il luogo turisticamente più moderno e mondano di Agropoli, il Lungomare di San Marco consente lunghe passeggiate, sport e consumazioni in bar, ristoranti e pizzerie. Ma, soprattutto, offre la possibilità di scegliere la spiaggia libera o uno dei numerosi lidi a pagamento. In tutta l’area intorno si trovano B&B, hotel e appartamenti in affitto.

 

Gli eventi principali ad Agropoli, cosa fare in vacanza alle porte del Cilento

Il Carnevale di Agropoli

Da cinquanta anni anni, ormai, si svolge il tradizionale Carnevale di Agropoli durante il quale, per alcuni giorni, gruppi si sfidano creando carri allegorici che sfilando per le strade della città.

Festa della Madonna di Costantinopoli

Come già raccontato, la venerazione degli Agropolesi per la Madonna di Costantinopoli ha radici antiche. Ogni anno, nel mese di luglio, nei giorni intorno al 24, si svolge la festa della Madonna di Costantinopoli che vede il suo momento clou nella processione in mare della statua che, condotta al largo di Agropoli da uno dei tipici pescherecci del Porto, viene portata a salutare le diverse baie della città seguita in festa da tantissime imbarcazioni private e non.

Estati agropolesi

Consolidatasi come meta turistica di alta frequentazione, Agropoli offre una serie di eventi di sport, cultura, moda e spettacolo in unico cartellone estivo approntato dall’Amministrazione comunale. Un mix perfetto per accogliere le svariate tipologie di vacanzieri che ormai annualmente affollano le vie della porta del Cilento.

Settembre Culturale

Per tutti gli amanti dei libri e della letteratura, nel mese di Settembre, si svolge la rassegna del “Settembre Culturale” durante la quale si susseguono presentazioni di nuovi titoli di successo e incontri con autori di fama nazionale.

 

Come arrivare ad Agropoli

Agropoli sorge nei pressi dell’antica Paestum e a circa 30 km dal capoluogo di Provincia Salerno. A poco più di un’ora di auto da Napoli.

In Auto: Autostrada A2 “Del Mediterraneo” (uscita Battipaglia) + S.S. 18 (Battipaglia-Agropoli 28 Km). In alternativa da Salerno sono possibili percorsi alternativi quali SP 175 o la SP 417 (Fino a Marina di Eboli, poi SP 175).

In Treno: È facilmente raggiungibile in treno. Per chi proviene da Roma esistono collegamenti Intercity diretti con le stazioni di Napoli e Salerno. Nel periodo estivo si può optare per collegamenti ferroviari con l’alta velocità con l’aggiunta di corse speciali previste nei weekend.

Via Mare: In estate sono disponibili corse in aliscafo “Metrò del mare” con partenze dal porto di Salerno.

In Aereo: Scalo a Roma Fiumicino o Ciampino, Napoli Capodichino.

Sono disponibili sul territorio, molti servizi taxi e transfer per Agropoli in grado di offrire collegamenti con tutte le principali località campane.