Come costruire un deumidificatore, ecco alcune semplici regole

costruire-deumidificatore-faidate_800x5

È possibile evitare la formazione di cattivi odori e di muffe a causa di troppa umidità nell’ambiente?

Certo che sì.

Infatti, è possibile costruire un deumidificatore fai da te.

Unapace.it ti spiega alcune semplici regole da seguire.

Realizziamo un deumidificatore naturale

Inevitabilmente, la presenza di umidità favorisce la presenza di muffe, il che comporta l’insorgere di un habitat benevolo per la proliferazione di microbi e di acari. In linea generale, ripostigli, bagni e cucina, sono propriamente le aree ove è facile trovare la presenza di umidità.

Di fatti, un ripostiglio difficilmente gode di un sufficiente ricambio d’aria, e tanto in cucina quanto in un bagno i vapori prodotti permettono la creazione di condensa. Un deumidificatore commerciale, di solito, è la soluzione più pratica per ovviare al problema.

Pur tuttavia, senza che sia necessario essere ingegneri, tecnici e meccanici, è possibile costruire un buon deumidificatore naturale. Per realizzarlo, infatti, sono sufficienti semplici oggetti di facile reperimento come, ad esempio, del nastro adesivo, del sale grosso e una bottiglia di plastica. Per determinare il quantitativo giusto di sale grosso da utilizzare, servirà conoscere la dimensione della stanza.

Normalmente, per una stanza dalle dimensioni di 4 metri per 4 metri, quindi di 16 metri quadrati, sono sufficienti cento grammi. La procedura per la realizzazione questo deumidificatore naturale è davvero semplice. Di fatti, dopo aver verificato che la bottiglia di plastica sia perfettamente asciutta al suo interno e che sia munita di tappo, si andrà a praticare dei fori proprio sul suo tappo.

Quindi, si potrà tagliare in due la bottiglia, in modo tale che la parte del suo fondo sia più lunga rispetto all’altra metà. Fatta questa operazione, si potrà mettere il sale grosso in quella a forma di imbuto e, quindi, si andrà a posizionarla nel freezer per circa una decina di ore. Una volta trascorso questo lasso di tempo, si potrà andare a incastrare le due parti, con l’ausilio del nastro adesivo per fissarla bene.

In questo modo, con assoluta semplicità e con pochi euro, si sarà realizzato un semplice ma efficace deumidificatore naturale che potrà essere collocato ove sarà più opportuno.

Altra facile soluzione, è quella di andare ad utilizzare del gel di silicio oppure del cloruro di calcio. Infatti, questi elementi permetteranno di realizzare da soli un deumidificatore naturale ancora più efficace e utilizzabile in ambienti che possono essere grandi fino ai cinquanta metri quadrati. Volendo, al posto della bottiglia di plastica, si potrà usare uno scolapasta.

Una procedura che prevede semplicemente il collocare, al suo interno, circa 150 grammi di normalissimo sale grosso da cucina e, poi, lo si coprirà con un classico telo leggero.

Quindi, come è evidente, è possibile costruire un deumidificatore da soli senza dover spendere tanti soldi. Ovviamente, per coloro i quali non abbiano alcuna intenzione di cimentarsi nel costruire un deumidificatore da soli, vi è la possibilità di acquistare un modello di deumidificatore già realizzato e pronto all’uso, modelli che potranno essere, ad esempio, elettrici oppure a base di sali. In conclusione, si ricorda che il sito mondolista.it, può essere fonte per altre idee.