Come migliorare il rapporto di coppia

Quando ci innamoriamo, le emozioni che proviamo sono travolgenti. Il nostro partner ci sembra perfetto, privo di difetti. È come se lo guardassimo attraverso un paio di occhiati colorati a forma di cuore, che ci consentono di vedere soltanto i lati positivi.

Vorremmo stare sempre con lei o con lui, trascorrere più tempo possibile insieme per godere della reciproca vicinanza. L’attrazione sessuale è particolarmente intensa.

Poi, col passare del tempo e il consolidarsi della relazione, il rapporto muta, si approfondisce, si cominciano ad affrontare i piccoli e grandi problemi della vita di coppia.

È del tutto naturale che il rapporto tra i partner si evolva. Spesso, però, la routine e l’instaurarsi di certe abitudini può rendere più difficile stare in relazione.

Ecco allora alcuni pratici consigli per migliorare il proprio rapporto di coppia.

Per stare bene in due, lavora su te stesso

Potrà sembrare strano, ma non lo è affatto. La prima regola per stare bene con l’altro, è innanzitutto stare bene con sé stessi. Bisogna imparare a conoscersi, ad accettarsi e apprezzarsi per evitare che il nostro partner sia per noi una sorta di “stampella emotiva”.

È giusto trovare appoggio nel proprio compagno, cercare il suo sostegno e la sua vicinanza. Ma il voler stare con l’altro non deve essere il frutto di un bisogno quanto una ricerca di reciproco arricchimento. Non puoi delegare all’altro la tua felicità. Per questo è importante che lavori su te stesso, che riconosci i tuoi punti di forza e le debolezze e comprendi cosa puoi dare all’altro.

Ritagliati del tempo per stare con l’altro

Spesso, quando si sta insieme da tanto tempo, si ha la tendenza a dare l’altro per scontato. Ci si abitua alla sua presenza, soprattutto se si è cominciata una convivenza e si condividono gli stessi spazi. Magari, lavorando entrambi, ci si ritrova soltanto la sera, stanchi e senza energie. Si sta insieme, ma senza che ci sia un’effettiva vicinanza emotiva.

La situazione si complica se si è diventati genitori da poco. Quel figlio messo al mondo con tanto amore reclama attenzioni costanti e spesso i partner sono così assorbiti da quel bimbo bisognoso di cure e affetto da dimenticarsi di essere ancora una coppia.

Per migliorare la propria relazione e alimentarla, c’è bisogno di dedicarsi del tempo di qualità, di investire del tempo per stare insieme all’altro, per condividere con lui o lei un momento che sia soltanto vostro, magari svolgendo un’attività che piace a entrambi. Può essere una serata romantica, una cena fuori, una giornata nella natura, ma anche un pomeriggio sul divano a guardare un film abbracciati o prendere un caffè insieme, in tranquillità, parlando.

L’importante è essere presenti nel senso pieno del termine, non solo con il corpo ma anche con il cuore e la mente. La relazione sicuramente ne gioverà.

Cerca di parlare apertamente con il partner

Si sa che il dialogo nella coppia è fondamentale. Spesso, però, quando si è in relazione da anni, si finisce con il ridurre le discussioni alle sole cose pratiche. Ci si parla poco, se non per accordarsi sui diversi compiti, su chi deve fare la spesa, cucinare o portare fuori la spazzatura. Si resta sulla superficie, senza scendere nel profondo. Magari, delle volte, onde evitare discussioni e litigi, ci si tiene dentro qualcosa o si preferisce paure, magari si teme il giudizio dell’altro.

Ma per stare bene con il proprio partner occorre imparare a parlare apertamente. Bisogna avere la possibilità di esprimere appieno sé stessi, i propri sentimenti, desideri, timori. E bisogna lasciare che anche l’altro lo faccia, ascoltandolo e cercando di accoglierlo, senza ergersi a giudice.

Un sano confronto è la base di un rapporto di coppia solido.

Cerca di capire qual è la giusta distanza con il partner

Potrà sembrare strano, ma perché le cose funzionino e il rapporto migliori, è importante anche capire qual è la giusta distanza tra i partner. Come evidenziato dal dottor Manuel Marco Mancini, psicologo a Roma Eur in un video dedicato alla giusta distanza nella coppia (guarda il video sulla coppia cliccando qui), non tutti hanno la stessa percezione a riguardo e non esiste una formula magica per capire quanto bisogna stare vicini tra partner, che si tratti di moglie e marito, di compagni o fidanzati. C’è, però, un utile esercizio spiegato nel video del dottor Mancini che può aiutare a “misurare” lo spazio che deve esserci tra noi e l’altro perché entrambi stiamo bene.

Provare per credere!