Corsi di formazione RSPP/ASPP: a chi sono rivolti?

rspp_800x534

I corsi di formazione RSPP e ASPP sono rivolti a tutte le aziende che hanno almeno un dipendente, infatti, per queste è previsto l’obbligo di avere almeno un Responsabile-Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione.

Chi può avere la qualifica di RSPP o ASPP

Queste importanti figure sono previste dal decreto legislativo 81 del 2008. Qual è la differenza tra RSPP e ASPP? Nelle grandi aziende o nelle aziende che hanno più sedi operative, ad esempio imprese edili, è essenziale avere l’ASPP costui ha il compito di coadiuvare l’RSPP.
La normativa stabilisce che il ruolo di RSPP può essere esercitato in alcuni casi anche dal datore di lavoro, ma affinché possa fare ciò è necessario che segua uno specifico corso di formazione. I limiti previsti per il datore di lavoro RSPP dipendono dalla tipologia di azienda, ad esempio se la stessa opera nel settore delle aziende artigiane, industriali, zootecniche e agricole può esercitare tale funzione se non vi sono più di 30 dipendenti, per le aziende che operano nel settore pesca, fino ad un limite di 20 lavoratori, per le altre aziende il limite sale a 200. Tale incarico può inoltre essere affidato dal datore di lavoro a un soggetto terzo oppure ad uno dei dipendenti, in ogni caso deve avere conseguito il relativo attestato.

I corsi di formazione RSPP/ASPP sono rivolti a chi ha conseguito almeno il diploma di scuola secondaria superiore. Il corso per gli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione consta di due moduli A, uguale per tutti, e B diviso in 9 macro-settori che dipendono dalla tipologia di azienda all’interno della quale si lavora. I Moduli A e B sono uguali anche per l’RSPP, ma quest’ultimo deve conseguire anche il modulo C. È possibile che in un’unica azienda sia necessario avere addetti e responsabili formati in diversi macro-settori, questo dipende dal tipo di lavorazioni che si eseguono all’interno.

Quale preparazione deve avere un RSPP/ASPP

La preparazione del modulo A, come specificato è uguale per tutti. Il corso sarà articolato in diverse lezioni che avranno ad oggetto la normativa in materia di sicurezza e lavoro, inoltre sarà dettagliatamente indicato quali soggetti sono destinati ad occuparsi di prevenzione, i loro ruoli e le responsabilità civili e penali che ne conseguono. Il corso segue con l’indicazione dei criteri da utilizzare per la valutazione del rischio e i contenuti necessari nel documento unico di valutazione dei rischi. Il secondo modulo, B, prevede che le materie siano diverse in base al settore in cui l’azienda opera, mira ad individuare i rischi specifici del settore e i Dispositivi di Protezione Individuale che gli addetti devono utilizzare.

Coloro che seguono il corso devono essere in grado di mettere a punto le tecniche organizzative e procedurali inerenti la sicurezza per ogni tipologia di rischio. Parte delle lezioni sono concentrate sulla tipologia di rischio infortunio e come comportarsi in caso si verifichi tale evento. Il modulo C mira a fornire competenze inerenti prevenzione e protezione dei rischi anche dal punto di vista ergonomico e psico-sociale ponendo quindi particolare attenzione alle dinamiche delle relazioni e della comunicazione.