Facebook Ads o Google Ads per fare crescere il mio ecommerce?

Vorresti far crescere il tuo ecommerce, magari per iniziare a vendere sempre di più e ad acquisire maggiori contatti e clienti, ma non sai come fare?

Sappi che molti di coloro che si rivolgono ad agenzie come www.keepup.pro non hanno certamente le idee chiare e non sanno quali siano gli strumenti migliori per poter promuovere il proprio ecommerce.

Ecco perché, in primo luogo, sarà sempre necessario rivolgersi a professionisti che possano utilizzare gli strumenti più utili ed incisivi per il tuo sito di commercio online.

Qui, però, si potrà vedere quali sono le principali differenze tra i Facebook Ads e i Google Ads in termini di utilizzo e di efficacia.

I Facebook Ads e i Google Ads

Forse non conosci ancora tutti gli strumenti legati all’internet marketing, e per questo motivo ti stai chiedendo che cosa siano questi famosi “Ads” di cui ti stiamo parlando.

A livello generale, la parola Ad indica tutti gli annunci che si potranno creare su diversi siti ed utilizzando piattaforme differenti.

Quelli che esamineremo qui saranno gli Ads su Facebook e Google.

I Google Ads sono quegli annunci che si possono inserire all’interno delle pagine di ricerca di Google.

Essenzialmente, gli annunci appariranno a di sopra dei risultati delle normali ricerche, oppure sotto di questi, e verranno selezionati sulla base delle diverse parole chiave che l’utente avrà utilizzato per effettuare la ricerca stessa.

Quindi, nei Google Ads verranno mostrati annunci pertinenti rispetto alle ricerche effettuate dall’utente all’interno del sito stesso.

Nei Google Ads, quindi, sarà essenziale l’uso sapiente delle parole chiave, in modo che vengano proposti agli utenti solamente annunci che siano pertinenti e legati a quanto sarà stato da loro cercato.

Diversamente, i Facebook Ads non si basano esclusivamente sulle parole chiave.

Facebook Ads non è da confondere con l’utilizzo di Facebook per scopi aziendali, in quanto come si può leggere qui avere una pagina aziendale dove raccontiamo i valori del nostro brand è il primo passo, fare pubblicità sopra invece è tutt’altra cosa.

Verranno proposti link alle tue pagine o ai tuoi post sulla base degli interessi che gli utenti di Facebook avranno inserito tra i propri.

Quindi, se un utente avrà detto di gradire pagine che parlino di abbigliamento, gli compariranno le sponsorizzazioni, nuovamente a pagamento, per pagine e siti che si occupino proprio di abbigliamento.

Quali piattaforme usare per il tuo ecommerce?

Ora che hai capito di che cosa stiamo parlando, potresti avere la curiosità di capire quali piattaforme usare per il tuo ecommerce, e quali strumenti promozionali potrebbero essere i migliori.

Bisogna prendere in considerazione, in questi casi, quali saranno i tuoi obiettivi e anche quali sono i prodotti o i servizi dei quali ti occupi.

Se, infatti, il tuo ecommerce sia basato soprattutto su prodotti diffusi, che tante persone potranno ricercare su internet, allora l’utilizzo dei Google Ads sarà sicuramente consigliato.

Infatti, utilizzando l’ottimizzazione per il tuo sito, e creando degli annunci che avranno le giuste parole chiave, il tuo sito potrà apparire tra i primissimi risultati e sarà all’inizio delle pagine nel momento in cui un utente dovesse cercare ciò che vendi.

Tuttavia, nel caso in cui il tuo prodotto sia ancora poco conosciuto, sia di nicchia, e a te serva soprattutto far conoscere ciò che fai e come lo fai, allora i Facebook Ads potrebbero essere quelli maggiormente indicati.

Infatti, per un prodotto ancora poco conosciuto sarebbe difficile pensare ad un utente che inserirà le parole chiave specifiche su Google.

Invece, sulla base dei suoi interessi potrebbe vedersi proporre la tua pagina, un tuo post o, comunque, dei contenuti targetizzati che lo potranno incuriosire e che lo porteranno, in primis, a visitare il tuo sito e, in seconda battuta, a provare ad acquistare ciò che vendi.

Quindi, entrambi gli strumenti sono validi, bisogna solo modularne l’utilizzo sulla base del contesto.