La sega a nastro per legno: caratteristiche

taglio con sega a nastro

Sai che la sega a nastro per legno ha delle caratteristiche specifiche che permettono di ottenere un risultato ottimale sul lavoro da svolgere? Che tu sia un artigiano in proprio o che abbia un’attività imprenditoriale avviata, e gestisca aziende a livello industriale, poco importa.

La cosa che conta è fare un acquisto consapevole che ti permetta di eseguire tagli rifiniti e puliti con la segatrice a nastro. In qualsiasi situazione e anche per un lavoro di fai da te in casa devi conoscere quali elementi rendono una macchina migliore di un’altra.

Ecco tutte le informazioni fornite da Socomec srl,  azienda storia di produzione di macchine per la lavorazione del legno.

 La sega a nastro per legno: le caratteristiche indispensabili

La velocità della segatrice a nastro

Le diverse velocità della macchina sono strettamente legate all’utilizzo della sega a nastro. È possibile avere una velocità che aiuta lo strumento a essere maggiormente flessibile e variabile oppure avere una velocità fissa.

La lunghezza e la larghezza della lama

Sul mercato esistono diverse tipologie di lama. Per la sega a nastro per legno si distinguono in lame strette, medio oppure larghe e assumono importanza i denti per pollice. Sempre in riferimento alle lame puoi trovarle con denti a nastro, con lama ondulata, senza gancio, a salto.  Il rivenditore di fiducia saprà darti i consigli adatti per scegliere la lama in base alle tue esigenze di lavoro.

L’alimentazione elettrica

Scegliere la sega a nastro in base all’alimentazione è importante solo se il lavoro da svolgere è di natura industriale. In questo caso è necessario acquistare una sega a nastro professionale che ha bisogno di un impianto dalla potenza più importante rispetto a quelli ad uso domestico. Per il resto dei lavori, e soprattutto qualora la macchina serva per attività di bricolage e fai da te, va benissimo la normale alimentazione elettrica a uso casalingo.

La portata della sega

Con la portata della sega a nastro si può definire la profondità del taglio che la macchina è in grado di realizzare. Grazie alla giusta portata, inoltre, è possibile capire qual è lo spessore del materiale che viene tagliato con la lama.

Il piano da lavoro 

Anche il piano di lavoro è molto importante per la scelta della sega a nastro. Ne esistono diversi: in base al materiale e quindi in acciaio o in alluminio, reclinabili per avere flessibilità durante l’attività di lavoro, fissi o con delle guide che aiutano l’attacco di una squadra per fare dei tagli a quartabuono.

Sicurezza e semplicità

Un altro elemento da prendere in considerazione riguarda la sicurezza del macchinario. È bene sceglierlo con la messa a terra elettrica e a doppio isolamento. È importante che la segatrice a nastro sia anche semplice da utilizzare, sia per un discorso di manutenzione sia qualora sia necessario cambiare le lame.

Semplicità di utilizzo e sicurezza, velocità e alimentazione elettrica del macchinario, tipologia della lama, portata della sega a nastro e piano di lavoro: questi elementi permettono di avere risultati precisi in relazione al lavoro da eseguire.

Scegliere le caratteristiche di una sega a nastro per legno non è sicuramente facile, ma affidandosi a rivenditori esperti è possibile fare l’acquisto giusto.