Social Networks in azienda: come usarli?

media-998990_960_720_800x580

Se ne sente sempre parlare, ma quando si tratta di mettersi al lavoro non è poi così semplice. Sull’uso dei Social Networks tutti mettono il naso in azienda anche se la realtà della loro gestione è ben diversa da quello che molti immaginano.

A preparare questo analisi è la community aziendale www.numeroassistenza.it che di aziende online ne ha viste molte e soprattutto da anni opera nel digitale.

Da dove iniziamo per la gestione dei Social Media

Ecco la scaletta che devi assolutamente avere sotto mano se nella tua azienda decidi di aprire e gestire alcuni profili sui Social.

  • Stabilire Obiettivi: prima di tutto è necessario stabilire glo obiettivi che si vogliono raggiungere con la gestione dei social networks aziendali. Avere come scopo la vendita non è lo stesso che voler mantenere per esempio informati i propri clienti sulle novità del nostro negozio. L’ obiettivo di captazione di nuovi clienti, non è uguale a quello di fidelizzare clienti già esistenti e incitarli a comprare nuovamente.
  • Definire i profili necessari: una volta stabilito il perché si desidera potenziare una presenza sui Social si dovrà capire quali profili sono i piú indicati per raggiungere gli obiettivi prestabiliti. Se hai un ecommerce, per esempio, una scelta ottima sarà quella di aprire un account su Instagram, molto visuale e che offre una vetrina interessante. Se hai un portale di ricette forse una marcia in piú la puoi ottenere da Youtube dove puoi pubblicare tutorials di cucina che possono essere inoltre un complemento sul tuo sito.
  • Definire le linee editoriali: non è ancora il momento di pubblicare. Una volta definiti oviettivi e social è il momento di definire le tematiche principali intorno alle quali costruire il tuo messaggio sugli account definiti. Torniamo all’esempio del sito di ricette. Il questo caso se l’obiettivo è traffico alla web si potrà alternare la pubblicazione di ricette proprie con post di temi relazionati cone per esempio che tipo di padelle usare in cucina, o trucchi per organizzare gli utensili in cucina. Non necessariamente dovrai parlare di ricette, anzi. Alternare la tua tematica principale con altre secondarie ti aiuterà ad ampliare la tua audience e cosí a raggiungere un maggior numero di utenti.
  • Scegliere gli hashtags necessari: non appena avrai definito le tematiche potrai cercare gli hashtags idonei e piú popolari in modo da dare una maggiore visibilità alle tue pubblicazioni. Si consiglia in media l’uso di circa 12-15 etichette # su Instagram, non trascurarle.
  • Pianificare le pubblicazioni: ora sí è il momento di entrare in azione. Ma prima di scegliere i post definitivi dovrai organizzare il tuo calendario editoriale per poter pianificare tutte le pubblicazioni. Nel calendario che è ideale costruire in un foglio di xls in Google Drive, non potranno mancare le seguenti colonne: data di pubblicazione, url al post che si vuole pubblicare, hashtags, link alla immagine principale, indicare una colonna per ogni social network per poter modificare il post a seconda del social sul quale si vuole pubblicare e una colonna commenti in modo che i vari membri del team che lavorano sulla stessa pianificazione possano condividere opinioni ed eventuali feedback per le modifiche da inserire.
  • Programmare i post: quando il calendario sarà pronto e verificato da tutti i membri del team implicati nella sua realizzazione, sarà il momento di programmare tutti i post. Per farlo esistono diverse tool. Una delle tool gratuite ideali per programmare su Twitter e Instagram è Hootsuite, anche se ne esistono molte altre con funzionalità simili. Per quanto riguarda Facebook, la cosa migliore è usare la tool interna del social dalla quale è possibile pianificare i post di tutto il mese comodamente. La progammazione è fondamentale dato che aiuta non solo a pianificare e quindi ridurre notevolmente gli errori nei post, ma anche a ottimizzare il tempo di lavoro.
  • Analizzare i risultati: non dimenticate che una volta al mese sarà necessario analizzare i risultati del lavoro eseguito, e per farlo si possono usare perfettamente le tool di analytics di ogni social network: Youtube, Twitter, Facebook e anche Instagram offrono statistiche sull’evoluzione del profile e dei post pubblicati direttamente dal loro backend.

Sei pronto per saltare nel mondo dei social o ci stai ancora pensando?