Perchè vaccinare un cane?

Se abbiamo deciso di condividere la nostra vita insieme a un animale, è nostro dovere quello di assicurargli tutte le cure necessarie e le migliori condizioni di vita.

Tra le cure che riguardano tutti gli animali domestici ci sono i vaccini. Ogni amico a quattro zampe, cane o gatto che sia, deve seguire una programmazione precisa dei vaccini. Infatti si parla, in maniera corretta, di calendario delle vaccinazioni.

Questi prodotti ormai possono essere acquistati su siti come www.raofarmaceutici.com, vere e proprie farmacie veterinarie dove potersi anche solo informare sui prodotti in modo dettagliato.

Vediamo insieme perché è importante vaccinare il proprio cane e quali sono i vaccini più diffusi e obbligatori per i nostri amici a quattro zampe.

Vaccini per cani: cosa sono

I vaccini, per definizione, sono composti farmacologici fatti da virus e batteri deboli o addirittura morti. Il loro obiettivo è quello di incentivare il sistema immunitario a produrre anticorpi per combattere i virus. In questo modo, se il nostro cane dovesse entrare in contatto con uno di questi, il suo organismo sarà pronto a combatterlo.

È importante assicurarsi sul perfetto stato di salute del proprio cane prima di sottoporlo a un vaccino. Infatti se ci dovessero essere altre patologie in corso, il suo organismo difficilmente sarà in grado di assimilare il vaccino e renderlo efficace.

Vaccini per cani: quali sono i più comuni

I vaccini per cani si dividono in due grandi categorie principali: obbligatori e opzionali.

Gli obbligatori sono quelli che aiutano a prevenire malattie molto gravi e assai frequenti come il parvovirus (che colpisce l’intestino e il sistema immunitario), il cimurro (distrugge l’intestino e il sistema respiratorio e nervoso) e l’epatite (fegato).

Quegli opzionali, ma che in alcune regioni sono fortemente consigliati al pari degli obbligatori, sono: rabbia (una delle malattie più frequenti nel mondo canino), leptospirosi (febbre, problemi ai reni e al fegato), tosse da canile (malattia respiratoria) e leishmaniosi (puntura di zanzara).

Vaccini per cani: quando farli

Cuccioli

  • Vaccino polivalente: deve essere fatto tra le 6-8 settimane di vita e ripetuto ogni 2-4 settimane fino alle 16 settimane. Infatti il cucciolo, nelle prime settimane di vita, riceve gli anticorpi dalla madre che possono contrastare l’efficacia dei vaccini. Il richiamo è consigliato tra i 6-12 mesi.
  • Rabbia: a tre e dodici mesi.
  • Tosse da canile: una dose tra la sesta e l’ottava settimana.
  • Leishmaniosi: solo in zone dove è presente e dovrebbe essere fatto sempre dopo i sei mesi di età.

Cani adulti

  • Trivalente: combatte il parvovirus, il cimurro e l’epatite infettiva e può essere ripetuto ogni tre anni.
  • Rabbia: dipende da dove vivi, infatti se devi viaggiare in Italia, il vaccino non è obbligatorio, ma lo è in altri paesi.
  • Leptospirosi, tosse da canile e leishmaniosi: vengono fatti ogni anno, ma solo ai cani che ne hanno bisogno a seconda di dove vivono e delle circostanze.

Hai visto che i vaccini per cani differiscono da luogo a luogo, ma quelli essenziali sono obbligatori per tutti i cani. Altri tengono conto di dove vivi e delle condizioni in cui vive il tuo cane.

Per essere sicuri di non perderne nessuno, parla con il veterinario che ti aiuterà a redigere un piano di vaccinazione speciale per il tuo cane.